Una moda che ha coinvolto negli anni giovani è quella del piercing sulla lingua. Le conseguenze di tale applicazione possono essere davvero tante:

• infezioni gravi a livello locale e non;
• ascessi e fissurazioni non reversibili alla lingua;
• allergie o sensibilizzazione ai metalli di cui è composto il piercing;
• fratture e lesioni dei denti;
• recessioni gengivali;
• alterazioni dell’occlusione.

Le infezioni che si possono contrarre durante e dopo l’intervento hanno due origini: ovvero la pulizia e le norme igieniche a cui si attiene l’operatore e la pulizia del cavo orale che, per sua stessa natura, è sempre sottoposto agli attacchi batterici.

Una ferita profonda sulla lingua è davvero dolorosa e pericolosa.

Il pericolo inoltre è dovuto al gonfiore che può succedere l’intervento e ostruire la respirazione e la deglutizione. La ferita che viene provocata può essere irreversibile anche dopo la rimozione del piercing e la difficoltà nel mantenere l’igiene orale, in questo caso, sarebbe davvero rischiosa.

Possibili danni nel tempo
La lingua all’interno della bocca si muove delimitata dal corridoio linguale e seguendo movimenti che sono nella memoria sin dall’infanzia.

L’applicazione del piercing comporta un’alterazione dei movimenti della lingua che batte sui denti laterali provocando, con una serie di microtraumi, fratture dei denti superiori (dal lato del palato), che inevitabilmente dovranno, nel migliore dei casi, essere devitalizzati se non addirittura estratti.
Il contatto prolungato del materiale metallico di cui è fatto il piercing, con la gengiva, può causare a lungo andare una reazione di questi tessuti, che potrebbero ritirarsi lasciando il collo del dente scoperto: ciò avviene per lo sfregamento del gioiello sulla gengiva che, con il tempo, produce un danno spesso irreversibile. La necessità di rimuovere il piercing diviene inderogabile.

Il problema diventa importante quando la recessione è causata dallo sfregamento gioiello sulla gengiva. In questo caso le probabilità che torni a posto da sola sono minime e sarà necessario contattare un medico per valutare il da farsi.

L’alterazione dei movimenti della lingua comporta anche una serie di posizioni viziate e può capitare che possano spostarsi i denti, poiché il piercing viene spinto fra un dente e l’altro (più spesso fra gli incisivi superiori) con conseguente alterazione di occlusione e della fonetica.

Conclusioni
I denti fratturati non sempre possono essere recuperati, così come sono gravi e dolorose le recessioni gengivali. Il malposizionamento della lingua con conseguente spostamento dei denti richiede un intervento di tipo ortodontico, affinché l’occlusione corretta e la fonetica possano essere recuperate. La lingua fissurata comporta difficoltà nell’igiene.

In tutti i casi, queste alterazioni sono seri danni biologici che il cavo orale subisce… per una moda.